NetSquared: Web 2.0 per l’innovazione sociale

6 08 2008

Ho già parlato in passato dell’importanza delle nuove tecnologie informatiche (web 2.0 o social media) nella promozione dell’innovazione sociale, particolarmente in relazione al Social Innovation Camp. La prima a sostenere questo sposalizio tra tecnologia ed imprenditoria sociale è stata NetSquared, un’organizzazione americana che promuove l’adozione di tecnologie web 2.0 da parte di iniziative che si occupano di questioni sociali o ambientali.

Da tre anni a questa parte, NetSquared organizza una conferenza con lo scopo di identificare e sostenere i più innovativi progetti in questo campo. Tra i 21 finalisti, 3 vincitori vengono selezionati ogni anno, i quali ricevono una donazione verso il loro progetto.

Nel 2007 i vincitori sono stati:

  • MAPLight.org, un sito che vuole illuminare la relazione tra denaro e politica negli USA, mettendo in relazione i finanziamenti per le campagne elettorali con i voti al Congresso, offrendo pertanto una maggiore trasparenza nei processi decisionali a giornalisti, bloggers e cittadini ordinari.
  • Miro è un video open source e open standards. Sta a Google, AOL e YouTube come la televisione di stato sta alle reti private. È un’organizzazione non-profit, interamente open source e open standards, intenta a creare la nuova Firefox dei video in rete.
  • Freecycle.org è un’iniziativa che usa il potere del social networking in rete per creare un’economia libera e comunitaria. Essendo più facile regalare che buttare via (e si risparmia pure spazio nelle discariche), il sito connette persone che hanno qualcosa di cui disfarsi (un divano, una lavatrice, dei pennarelli…) con persone che hanno bisogno proprio di quelle cose.

Quest’anno, invece, sono stati premiati i seguenti progetti:

  • Ushahidi, un sito originalmente creato per documentare episodi di violenza durante la crisi post-elettorale in Kenya, ed in seguito usato anche per mappare iniziative di pace ed aiuto umanitario.
  • Knowmore.org, un database con centinaia di “profili responsabili” di grandi corporazioni, che traccia il loro comportamento sociale e ambientale, dalla distruzione di ecosistemi ad abusi di diritti umani ed episodi di corruzione politica. Grazie ad un’applicazione Firefox, chi naviga il sito di una corporazione (ad esempio Nike, o Shell) viene allertato immediatamente di episodi di irresponsabilità sociale da parte di quell’impresa.
  • SocialActions, è un mash-up che aggrega campagne di trasformazione sociale “peer-to-peer”così che individui ed organizzazioni possono individuare e sostenere iniziative comunitarie a problemi locali e globali.

Nonostante questi progetti siano stati selezionati come vincitori, non lasciatevi ingannare: gli altri finalisti sono altrettanto interessanti e vi offriranno un mare d’ispirazione!


Actions

Information

One response

18 10 2008
The Hub su NetSquared « The Hub Milano

[…] Ho già avuto modo di parlare di NetSquared, l’organizzazione creata da TechSoup con l’obbiettivo di far leva sul potenziale delle nuove tecnologie informatiche online per aiutare le organizzazioni non-profit a cambiare il mondo. A NetSquared si è inspirato tutto il movimento che fa capo al Social Innovation Camp in Gran Bretagna e Germania (e presto, attraverso l’Hub di Milano, anche in Italia. Watch this space!). […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




%d bloggers like this: