Dateci il vostro legno!!

25 11 2009

Ormai siamo agli sgoccioli! Stanno partendo in questi giorni i lavori di allestimento dello spazio in Via Paolo Sarpi 8, e come nei migliori film d’azione siamo qui per dirvi: WE NEED YOU!!

Come forse molti di voi sapranno, stiamo lavorando con i ragazzi di Controprogetto agli allestimenti dello spazio. La loro (e nostra) filosofia e’ che sia dannoso all’ambiente e al portafogli sprecare tanto materiale che giace nelle nostre citta’ e che viene spesso buttato, quando invece si potrebbe “rigenerare” sotto forma di nuovi mobili e allestimenti. Con un po’ di creativita’ e di ingegno, si ottengono oggetti bellissimi, etici ed eco-sostenibili!

E’ giunto dunque il momento di raccogliere i materiali che diventeranno il futuro mobilio di The Hub Milano, e stiamo cercando in particolare:

– Pannelli di legno, di qualunque forma e dimensione;
– Assi, laterali e ante di mobili;
– Persiane di legno, cassapanche, scaffalature;
– Qualunque cosa che sia di legno e possa essere usata per costruire un mobile.

In aggiunta, se bazzicate nell’ambito fieristico e affini, stiamo cercando allestimenti sul punto di essere scartati o smantellati. NON stiamo cercando tamburati e strutture di legno che siano rimaste esposte ad acqua e quindi siano danneggiate da muffe/decomposizioni varie.

Se qualcuno di voi fosse in possesso di qualcosa del genere e fosse interessato a liberarsene, la nostra Hub-Mobile sara’ piu’ che lieta di passare a ritirarlo nei prossimi giorni! Mandate un messaggio a milan.hosts@the-hub.net specificando la natura e dimensione dell’oggetto, e ci metteremo d’accordo per ritirarlo appena possibile!





La casa di The Hub Oaxaca

16 11 2009

Non è facile farci diventare invidiosi. In fondo, qui a Milano abbiamo uno degli spazi più belli dell’intera rete internazionale di The Hub, 570 mq di splendore nel cuore di uno dei quartieri più dinamici e affascinanti della capitale lombarda. Ma The Hub Oaxaca ci è riuscito: guardate questo video per credere…!

Vodpod videos no longer available.

more about "La casa di The Hub Oaxaca", posted with vodpod





Una nuova agenda per l’innovazione sociale in Europa

30 10 2009
The Hub Islington, Londra

The Hub Islington, Londra

Continua la consultazione dell’Unione Europea su come creare una politica efficace per promuovere innovazione sociale in Europa. L’obiettivo: Reinventare l’Europa attraverso l’Innovazione. Mente operativa dietro a questa consultazione è Diogo Vasconcelos, attualmente Distinguished Fellow della Internet Business Solutions Group di Cisco, ma in passato anche rappresentante per il Portogallo al Consiglio Europeo dei Ministri e un collaboratore di SIX.

Tutti noi abbiamo l’opportunità di contribuire a questa consultazione, visitando il blog Innovation Unlimited del DG Impresa e Industria. Ma quelle che ci riempiono di entusiasmo in questa fase sono le 5 proposte chiavi di orientamento per una politica Europea più innovativa:

  1. L’ampliamento del concetto d’innovazione, da business a innovazione sociale;
  2. L’attenzione a velocità e sincronizzazione, allontanandosi da burocrazie inefficienti e spostandosi verso partnership più flessibili e norme a sostegno dell’innovazione;
  3. L’impegno a investire in infrastruttura con il potere si liberare il potenziale europeo, meno ponti (sic) e più fibre ottiche, meno controllo più open access;
  4. L’attenzione a nuovi modelli finanziari (e noi spereremmo si cominci a spingere il concetto di patient capital, gia espresso da Jacqueline Novogratz di Acumen Fund).
  5. E soprattutto l’attenzione a nuovi spazi per la collaborazione, da chiusi a spazi in rete e collegati tra loro.

In pratica, stanno cercando The Hub! Se vi capita, diteglielo!!





Emily Cummins e il Design che salverà il mondo

14 10 2009

Si chiama Emily Cummins. Ha 22 anni ed è appena stata nominata Donna dell’Anno in Inghilterra. Ma non è il primo riconoscimento che riceve, da Donna del Futuro a Giovane Designer e Innovatrice dell’Anno. In tutto, oltre una dozzina di importanti riconoscimenti al suo talento a alla sua passione.

Emily è un designer, come ce ne sono tanti a Milano. Ma la sua passione non è l’ultimo grido nel mondo del mobilio per ufficio. Emily si accende quando deve risolvere problemi che affliggono milioni di persone nel mondo, come ad esempio conservare medicinali in un clima tropicale e senza accesso a energia elettrica. E’ così che Emily inventa il primo frigorifero completamente sostenibile, portatile e a energia solare, un prototipo che è stato già testato in Namibia e che presto verrà immesso sul mercato internazionale.

Questo riconoscimento è anche possibile grazie all’attenzione crescente in Inghilterra e negli Stati Uniti a come il design e la tecnologia a basso costo e sostenibile possano offrire delle soluzioni reali ai problemi del mondo. Agenzie governative come NESTA sono nate principalmente con questo scopo: favorire un’innovazione che sia sociale e sostenibile. E multinazionali come Shell e Audi stanno promuovendo sempre di più concorsi volti a premiare chi sta avendo un impatto positivo nella vita delle persone e del pianeta.

In una città come Milano, piena di creativi di altissimo talento e di architetti e designer da tutta Italia e da tutto mondo, le storie come quella di Emily dovrebbero essere decine, ma fanno fatica ad emergere, parzialmente perché non ricevono il giusto riconoscimento come Emily ha ricevuto in Inghilterra. Ma adesso che arriva The Hub anche in Italia, non vi preoccupate: sarà una delle prime cose che cercheremo di cambiare!





A proposito di collaborazione radicale di massa…

28 09 2009

E questo e’ solo l’inizio…!





The Hub: collaborazione radicale d’eccellenza!

27 09 2009

Hub Berkley

Lo stanno facendo tutti. Da piccole medie imprese che condividono risorse per la ricerca e lo sviluppo a tutte le persone nel mondo che stanno costruendo Wikipedia. Si chiama collaborazione radicale ed é sempre più vista come la maniera migliore per arrivare a soluzioni sempre più efficaci ed innovative ai problemi socio-ambientali che ci circondano.

Tra gli esempi d’eccellenza citati in un articolo su Worldchanging – uno dei siti al mondo più autorevoli nel campo della sostenibilità e dell’innovazione sociale – c’é Green Xchange, un’iniziativa nata a Davos nel gennaio 2009 sotto l’egida di Nike, Creative Commons e Best Buy che prevede la condivisione d’informazioni tra imprese che stanno facendo ricerca in sostenibilità.

E c’é anche The Hub, con il suo splendente nuovo centro di Berkeley, Bay Area, California, aperto solo 3 settimane fa! Grazie Worldchanging! E in bocca al lupo ai nuovi Hubbers di San Francisco!





Progetto 10 alla 100esima: é ora di votare!

26 09 2009

Un anno fa, Google ha lanciato un concorso internazionale per selezionare le idee top per un mondo migliore. Il criterio centrale? Aiutare quante più persone possibile. In palio: $10 milioni. Il progetto si chiama Project 10100.

Più di 150.000 individui da 170 paesi diversi hanno inviato le loro idee. Le migliori sono state raggruppate in 16 gruppi distinti. Spaziano dallo sviluppo di sistemi informatici per mappare e rendere più efficaci le risposte a catastrofi naturali e umanitarie, alla creazione di un sito internazionale per monitorare l’operato dei settori pubblici del globo, e renderli più trasparenti e onesti.

È ovviamente difficilissimo scegliere quale di questi gruppi debba vincere (e quindi in che maniera verranno spesi questi $10 milioni), perché sono tutti più che meritevoli e i problemi che si propongono di risolvere di simile urgenza. Noi di The Hub Milano abbiamo tuttavia votato per la creazione di un fondo a sostegno degli imprenditori sociali, che investa concretamente in idee socialmente responsabili e imprenditorialmente sostenibili per un mondo migliore.

Ora tocca a voi dire la vostra. Votate per Project 10100 qui