Localdirt.com: Acquistare Prodotti Alimentari Locali

23 10 2009

infographic-why-buy-local

Local First, un’ organizzazione con sede in Michigan che vuole sostenere le economie locali, ha pubblicato un semplice ma esaustivo grafico che mostra le differenze nei flussi di denaro quando acquistiamo prodotti locali e quando invece acquistiamo da esercizi al di fuori della nostra comunita’. Il grafico e’ accompagnato da 10 ragioni che illustrano perche’ comprare localmente.

Ed e’ proprio alla necessita’ di acquistare localmente, che risponde Localdirt.com, una marketplace online con la missione di creare un database di prodotti alimentari locali che possa servire a produttori, commercianti e consumatori.

Immagine 31

Tramite la sua piattaforma, Localdirt vuole cercare di rendere il mercato piu’ efficiente. Secondo l’ azienda americana infatti, almeno negli Stati Uniti, la richiesta di prodotti locali da parte del mercato sta superando la richiesta di cibi organici ma rimane tuttavia difficile poter soddisfare le necessita’ di tutti gli attori della filiera alimentare. Questo crea delle inefficienze tali per cui circa il 40% della produzione e’ destinato a non incontrare i consumatori finali e quindi a diventare scarto.

Sotto potete assistere alla presentazione di Localdirt durante l’ ultima edizione di DEMO poche settimane fa.





Kiva Compie 4 Anni e Festeggia A The Hub Berkeley

21 10 2009

kivabdayfinal2

Se il 3 Novembre siete a San Francisco non perdetevi la festa per i 4 anni di Kiva.org che si terra’ presso The Hub Berkeley, ultimo Hub aperto dal nostro network.

Kiva e’ stata fondata nel 2005 a San Francisco da Premal Shah e Matt Flannery e fino ad oggi ha raccolto quasi $100 milioni destinati a piccoli imprenditori dei Paesi in via di sviluppo.

Seguite il blog di Kiva per maggiori dettagli sull’ evento.





Un Social Network Della Terza Età

20 10 2009

Durante il weekend ho partecipato con piacere allo UX Camp, tenutosi all’ interno del  Festival della Creativita’ di Firenze.

Una delle presentazioni piu’ interessanti  e’ stata a mio avviso quella fatta da Cristiano Rastelli e da Daniela Panfili che hanno provato ad immaginare come sarebbe un social network della terza eta’.

Sarebbe pensabile, si sono chiesti,  un servizio sociale dedicato specificatamente alle persone anziane? Quale sarebbe l’ interfaccia? Come poter adattare le abitudini degli anziani ad un contesto completamente diverso come il Web?

Partendo dagli stessi presupposti, Cristiano e Daniela hanno poi lavorato separatamente, concentrandosi su due diversi possibili utilizzatori e giungendo quindi a soluzioni differenti. Sopra potete vedere gli interessanti risultati del loro progetto.

Un’osservazione personale: se guardiamo i dati della penetrazione di Internet in Europa vediamo che l’ Italia e’ messa piuttosto maluccio. Solo il  50% della popolazione e’ online (confrontate con: Germania 67,1% , Francia 67,7% , Spagna 70%, Inghilterra 79,8%). Un paese con una piu’ alta prenetazione della Rete e’ un paese che sta meglio, perche’, in prima istanza, vuol dire cittadini con maggiori canali di informazione e  maggiore informazione vuol dire maggiore liberta’ di scelta. In Italia ci sono circa 12,5 milioni di persone nella fascia 60-80 anni. Perche’ non cercare di portare online anche solo 1 milione di queste persone?





Fatevi Ispirare Dall’ Innovazione Indiana

14 10 2009

Quando si dice che la necessita’ e’ la madre dell’ invenzione.





Genitori Anti-Smog: Siamo Nati Per Camminare

14 10 2009

snpc_manifesto

Lo scrivente sara’ zio tra pochi mesi, evento che lo sta rendendo ancora piu’ sensibile a particolari temi. Ci teneva quindi a questa segnalazione.

Siamo nati per camminare è un progetto rivolto a tutti i bambini delle scuole primarie di Milano in corso fino al 16 Ottobre curato e promosso dai Genitori Antismog, con il patrocinio del Comune di Milano. Lo scopo dell’ iniziativa e’ ovviamente quello ridurre l’uso delle automobili nei percorsi casa-scuola, laddove possibile. Un gesto che rappresenta il primo indispensabile passo per far crescere i piu’ piccoli in un ambiente piu’ sicuro e soprattutto più sano.





World Challenge ’09: BBC Premia Gli Innovatori Sociali

14 10 2009

world-challenge-09-logo

E se abbattessimo Buona Domenica per fare un programma sugli innovatori sociali? Be’ si potrebbe prendere esempio da BBC World News.

Organizzato dal network britannico, World Challenge e’ un concorso che vuole premiare imprese sociali non solo con un supporto finanziario (con somme dai $10.000 ai $20.000) ma soprattutto con visibilita’ sulla loro rete e sulle pagine di Newsweek, partner del progetto. World Challenge viene organizzato ogni anno dal 2005 e ha portato alla luce progetti come Coconets , Elephant Paper, Potato Goldmine e The Hashoo Foundation.

Aspettando il giorno in cui Canale 5 dara’ un po’ meno spazio a Platinette & Co. potete guardare di seguito la presentazione di una delle aziende in concorso quest’anno.





Bloomberg Intervista Bill Drayton, Fondatore di Ashoka

13 10 2009

Avevamo gia’ parlato di Bill Drayton tempo fa. Venerdi scorso, il visionario fondatore di Ashoka, ha parlato di imprenditoria sociale sul rete Bloomberg. Godetevi l’ intervista.





GOOD 100: GOOD Magazine Sceglie I 100 Migliori Progetti Sociali

8 10 2009

Immagine 8

Fino al 21 Ottobre GOOD Magazine, pubblichera’ ogni giorno i 100 piu’ interessanti progetti/imprese/idee di carattere sociale scovate tramite un sondaggio tra i suoi lettori. Ecco alcuni dei progetti piu’ interessati pubblicati fino ad oggi:

Microfinanza:

La microfinanza arriva negli Stati Uniti con progetti come Accion USA, Grameen America e, per i piu’ creativi, Kickstarter

Materiali di studio open-source:

Il movimento “open courseware” e’ considerato una vera rivoluzione rendendo studio ed educazione accessibile a chiunque. Uno delle prime istituzioni ad aprirsi fu MIT , seguita da iniziative come iTunesU e ccLearn.

Eco-patents Commons:

Eco-patents commons e’ un progetto nato dalla partnership tra IBM, Nokia, Sony e il World Business Council for Sustainable Development per rendere aperti e condivisi tutti i brevetti che portino ad una riduzione di scarti e rifiuti e che diminuiscano il riscaldamento global e il nostro fabbisogno energetico. In questo modo, sebbene gli autori di questi brevetti non godranno direttamente dei profitti delle loro invenzioni, molte piu’ persone ne potranno trarre vantaggio.





Business Model Per Imprese Sociali

7 10 2009

Alex Osterwalder, e’ un esperto di business model innovativi. Questa estate, durante impACT, una competizione studentesca per le imprese sociali, ha tenuto un’ interessante presentazione nella quale ha analizzato secondo una nuova prospettiva il business model di aziende quali Grameen Bank, Grameen Phone e Kiva e Wise. Sono 145 slide ma si leggono in un secondo.





Jacqueline Novogratz Sull’ Importanza Dei Capitali Pazienti

6 10 2009

Se c’ e’ una persona di cui siamo fan a The Hub, questa e’ sicuramente Jacqueline Novogratz. In questo TED Talk, la fondatrice di Acumen Fund , spiega l’ importanza dei capitali pazienti, quei capitali cioe’ che uniscono al ritorno finanziario anche un ritorno sociale.

PatientCapitalgraphic

Non si tratta di filantropia e neanche di venture capital ma nelle parole della stessa Novogratz “sono soldi investiti in imprenditori le cui aziende e organizzazioni risolvono i problemi piu’ difficili come quelli legati alla sanita’,  all’ housing, e alle energie alternative”.