Servizi Finanziari Mobile Per I Mercati Emergenti

10 11 2009

Immagine 32

Jan Chipchase di Nokia ha pubblicato le slide dello studio “Designing Services for Financial Inclusion”. Le slide sono molto suggestive ma per comprendere al meglio il progetto rimandiamo al paper.

[via Putting People First]







Emily Cummins e il Design che salverà il mondo

14 10 2009

Si chiama Emily Cummins. Ha 22 anni ed è appena stata nominata Donna dell’Anno in Inghilterra. Ma non è il primo riconoscimento che riceve, da Donna del Futuro a Giovane Designer e Innovatrice dell’Anno. In tutto, oltre una dozzina di importanti riconoscimenti al suo talento a alla sua passione.

Emily è un designer, come ce ne sono tanti a Milano. Ma la sua passione non è l’ultimo grido nel mondo del mobilio per ufficio. Emily si accende quando deve risolvere problemi che affliggono milioni di persone nel mondo, come ad esempio conservare medicinali in un clima tropicale e senza accesso a energia elettrica. E’ così che Emily inventa il primo frigorifero completamente sostenibile, portatile e a energia solare, un prototipo che è stato già testato in Namibia e che presto verrà immesso sul mercato internazionale.

Questo riconoscimento è anche possibile grazie all’attenzione crescente in Inghilterra e negli Stati Uniti a come il design e la tecnologia a basso costo e sostenibile possano offrire delle soluzioni reali ai problemi del mondo. Agenzie governative come NESTA sono nate principalmente con questo scopo: favorire un’innovazione che sia sociale e sostenibile. E multinazionali come Shell e Audi stanno promuovendo sempre di più concorsi volti a premiare chi sta avendo un impatto positivo nella vita delle persone e del pianeta.

In una città come Milano, piena di creativi di altissimo talento e di architetti e designer da tutta Italia e da tutto mondo, le storie come quella di Emily dovrebbero essere decine, ma fanno fatica ad emergere, parzialmente perché non ricevono il giusto riconoscimento come Emily ha ricevuto in Inghilterra. Ma adesso che arriva The Hub anche in Italia, non vi preoccupate: sarà una delle prime cose che cercheremo di cambiare!





Apple e L’ Ambiente: Un Esempio Da Seguire

29 09 2009

090925-apple-w

Al giorno d’ oggi sono innumerevoli le aziende che dichiarano il proprio interesse per le tematiche ambientali. Poche tuttavia lo fanno con la stessa trasparenza di Apple, che recentemente ha aggiornato il proprio sito, fornendo dei chiari dati relativi al proprio impatto ambientale. Nella sezione “Apple and the Environment” infatti si trovano non solo informazioni riguardanti i processi produttivi dell’azienda ma e’ possibile scaricare anche dettagliati report per ognuno dei loro prodotti.

In totale, l’ azienda californiana e’ responsabile per l’emissione di 10.2 millioni di tonnellate metriche di gas serra, cifra che include le emissioni causate dai consumatori finali quando utilizzano i loro amati Mac, iPhone, iPod, ecc.

Il sito e’ anche un’ ottima guida per capire come Apple presti la massima attenzione ad ogni dettaglio lungo tutta la filiera del prodotto. Di seguito il breakdown del totale delle emissioni:

Costruzione: 38%

imac_product_mass20090810

Trasporto: 5%

reduction_packaging20090810

Utilizzo dei prodotti: 53%

bar_graph_co2emissions20090810

Riciclo: 1%

weight_recycled_graph20090810

Impianti: 3%

overview_co2savings20090810

Ovviamente abbiamo fatto due calcoli anche su di noi. Al momento l’ intera infrastruttura tecnologica di The Hub conta un MacBookPro da 15″ e due MacBook da 13″ ma non trattandosi degli ultimi modelli non sono disponibili dei dati precisi. A grande linee quindi quando ricicleremo i nostri computer avremo prodotto un po’ di piu’ del totale dei gas serra rappresentati dai due seguenti grafici.

Immagine 14

Immagine 15





La Guida IDEO Per Le Imprese Sociali

21 09 2009

Immagine 15

IDEO, una delle piu’ prestigiose ed innovative aziende di design del mondo, ha realizzato, insieme alla Gates Foundation, lo Human Centered Design Toolkit.

La guida vuole essere un aiuto a tutte le imprese sociali e le no-profit e che vogliono applicare le metodologie del design centrato sull’utente nelle loro attivita’.

Attraverso il sito di IDEO e’ possibile scaricare sia il kit completo, che la guida da utilizzare  sul campo.

124873504988

Dopo avere lavorato a lungo con multinazionali di ogni settore, da qualche anno IDEO ha messo a disposizione il suo know-how con l’obiettivo di aiutare le organizzazioni che operano nei paesi in via di sviluppo a comprendere meglio le necessita’ delle persone con cui lavorano e trovare soluzioni innovative e soprattutto sostenibili anche a livello economico.

In precedenza la societa’ californiana aveva gia’ realizzato due guide per aiutare la Rockefeller Foundation a capire come poter utilizzare le pratiche del design nel settore sociale.





..Disegnando The Hub Milano..

15 09 2009

The Hub Milano prende forma, la forma che gli hubbers riusciranno a sintetizzare, condividere. Le pareti modulari sono una delle componenti fondamentali per la distribuzione degli spazi e la conversione dell’habitat in funzione dei diversi momenti della occupancy dell’Hub.

Di seguito alcuni link, suggeriti dalla  rivista Wired in un articolo di Tim Mckeough:

Razortooth Design: puzzle da soffitto

bridgefsfileVolumesTIGER 250Modulari_Arcitect_web_portm_a01

Mio: pareti di cartone

flow_colors_thumb

Kvadrat Clouds: elementi dalle fiorme irregolari legati da elastici (presenti anche in Italia)

0000048

..crediamo che Milano offra alternative all’altezza..alla prossima co-creazione!





Premiato L’ Interior Design Di The Hub Kings Cross

17 06 2009

La missione degli Hub non e’ solamente quella di connettere e sostenere iniziative con un forte impatto sociale. The Hub vuole anche che queste trovino casa in uno spazio d’ispirazione che possa stimolare i loro promotori. E’ con questa filosofia che  lo studio Alterspace  ha concepito l’ interior design dell’ Hub di Kings Cross. Grazie al lavoro svolto lo studio ha recentemente vinto il premio Gold Interior Fit Out della Association of Interior Specialists. 

L’edificio riflette con le sue strutture le visioni degli innovatori sociali che abitano lo spazio con particolare riguardo alla sostenibilita’ dei materiali utilizzati e il relativo impatto ambientale. Ecco alcune immagini. 

 

port_8

 

port_2

 

 

port_5

 

port_7





Designers, ergo, innovatori sociali

1 06 2009

Dona McAdams, They're juggling our genes

The main activity of designers will be as social innovators“, parola di Ezio Manzini in un intervista/evento organizzata da o2NYC , meno di un mese fa, dal titolo “Sustainability: The Exit Strategy. Small, local, open and connected. An Evening with Ezio Manzini”.
Nella sua relazione, Ezio disegna una exit strategy per conscious designers pronti ad “offrire soluzioni per il cambiamento climatico, ridurre l’impatto dei materiali, ideare strumenti di design per una società migliore”. Parole chiave della conversazione sono il movimento del green design, quello dello Slow food, il ruolo dei designer per incidere nei processi di social innovation.
In particolare su quest’ultimo punto, Ezio sostiene che, a differenza delle trasformazioni guidate da scienziati, economisti, realtà del terzo settore e privati, i “designed systems” si rivelano più forti e replicabili. I designers trasformano le idee in pratica: l’obiettivo è trasformare i prototipi in prodotti. (“The role of designer then shifts from making things into mass produced consumer objects, to shepherding local sustainable practices into wider mainstream society”).
Nell’era dei network, il fenomeno dell’innovazione sociale è generato dagli attori del cambiamento coinvolti “direttamente” nella risoluzione dei problemi. I designers dovrebbero creare le condizioni affinchè le collaborazioni e l’agire collettivo risultino possibili ed efficaci:we create the conditions, not the solution“.
Nell’economia sociale questo dovrebbe essere il lavoro principale dei designer, e non relegato ad attività e momenti di volontariato.
Lo scenario è in cambiamento, e le evidenze non mancano: il Social Innovation Fund e l’Office of Social Innovation in USA; il riconoscimento ufficiale da parte della UE nel definire l’innovazione sociale quale asset strategico per uno sviluppo sostenibile, l’attenzione dell’accademia, (vedi post su questo blog); i principi del co-working, del social business basato sulla condivisione delle conoscenze e dei processi.

La social innovation parte da piccole sperimentazioni  a livello locale, per poi diffondersi nei territori “Now is the time. We need radical change; increasing consciousness is not enough





The Hub Berlino si rifa’ il trucco!

27 05 2009

Non tutti gli Hub nascono imparati. Quelli che si sono uniti al network internazionale dopo aver fatto un po’ di strada da soli, ma aver capito il valore di lavorare in rete, a volte devono fare quello che si fa all’inizio (ad esempio la co-creazione dello spazio) alla fine.

Prendete il caso di Berlino. Nata come Self, un centro per innovatori sociali alle prese con i grossi problemi del mondo, l’organizzazione si e’ unita al network di The Hub circa 18 mesi fa, cambiando il suo nome e abbracciando l’ethos e il business model del nostro sistema. Ma restava una cosa da fare: rendere lo spazio un po’ piu’ collaborativo e innovativo, raccogliendo le proposte di membri e gestori e aiutando il bruco a trasformarsi in farfalla.

E’ quanto hanno fatto in questi giorni i nostri amici di The Hub Berlin, attraverso una serie di sessioni co-adiuvati dal nostro designer di casa, Oliver Marlow. E lungo il cammino, hanno rafforzato la loro comunita’ d’innovatori sociali, creando relazioni la’ dove c’erano solo conoscenze, idee la’ dove c’erano solo impressioni.

Ai robottini che caratterizzano le pareti di The Hub Berlino si sono affiancati i quadrati di The Hub, insieme a soluzioni di design creative e partecipate per rendere lo spazio piu’ accogliente e utile. Alla fine, il risultato ha lasciato tutti a bocca aperta! Guardare per credere!





Costruire il Paradiso

24 05 2009

14_BP_S
Due artisti di “Younger Than Jesus”, Liz Glynn e Mariechen Danz, hanno preso parte al “Building Paradise”, esibizione curata da Kyungmi Shin al “the 7+FIG Art Space”, Los Angeles. I due artisti hanno proposto istallazioni a tema quali: house of song, walled garden, island in the sea..

In “Building Paradise”, 5 artisti e 5 team “esplorano la nozione di utopia e costruzione del paradiso“attraverso fotografia, photo-mural, video, animazioni, proposte di architettura e design,  istallazioni, live performance. Tre i temi guida dell’evento: utopia building and future, examination of history in relationship to utopian visions, e fantastical and whimsical reverie.
Prendetene visione qui, per essere ancora più ispirati al prossimo evento di co-creazione degli spazi..





Enabled by Design rilancia il suo sito

28 03 2009

In occasione del rilancio del suo sito, ho pensato di parlarvi di un’impresa sociale che fa parte del nostro network e che è veramente eccezionale.

Enabled by Design è un’iniziativa di Denise Stephens, una giovane affetta da sclerosi multipla che invece di lasciarsi andare ad una vita da inferma, ha deciso di reagire e fondare un’organizzazione per la creazione di soluzioni innovative attraverso il design per chi soffre di problemi motori.

Il trampolino di lancio per Denise è stato il Social Innovation Camp dell’anno scorso, di cui è stata vincitrice. Da allora, dopo essere diventata un membro di The Hub Islington e lavorando a stretto contatto con Innovation Exchange e UnLtd, Denise è riuscita a creare un’organizzazione innovativa che sta cambiando la vita a centinaia di persone. Insieme al co-fondatore di Enabled by Design, Dominic Campbell, ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, ed è finita sulla copertina del supplemento Society del prestigioso giornale The Guardian in Inghilterra.

Potete seguire gli sviluppi di questa splendida iniziativa e della sua fantastica creatrice sul blog di Enabled by Design.