And the winner is…

19 11 2009

Qualche tempo fa vi accennammo al fatto che The Hub facesse parte della giuria degli Ethic (sic!) Awards, l’iniziativa sostenuta da GDO Week del Sole 24 Ore per riconoscere e premiare le aziende più etiche e sostenibili in Italia. Be’, ieri sera c’è stato l’annuncio dei vincitori nell’Auditorium del Sole 24 Ore a Milano. Rullo di tamburi… ecco chi sono, suddivisi nelle 7 categorie del premio:

Alce Nero & Mielizia – Insieme al Consorzio Libera Terra Mediterraneo (Giovani)
Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori COOPCampagna Risparmia le Energie (Consumatori)
COOP Adriatica – Biblioteca Interculturale Mobile (Minoranze e Società)
GunaNo Patent (Processi Industriali)
Nordiconad – Last Minute Market (Retail Locale e Territorio/Comunità)
PedonScuola per i Figli dei Lavoratori nello Stabilimento Pedon (Sud del Mondo)
SMASupermercato Eco-compatibile (Greening)

Il primo premio assoluto di azienda etica 2009 è stato dato ad Alce Nero & Mielizia, per il suo lavoro di promozione dei prodotti del Consorzio Libera Terra Mediterraneo, prodotti buoni, puliti e giusti, ottenuti da terre confiscate alla mafia in Sicilia e in Puglia.

Questo Ethic Awards ci ha insegnato un po’ di cose sulla realtà italiana in relazione a concetti di sostenibilità ed eticità. La prima, come commentava Eric Ezechieli di The Natural Step Italia che era seduto accanto a me durante la cerimonia, è che eticità in Italia è sinonimo di legalità. E’ inutile che ci immaginiamo un’Italia diversa, etica, sostenibile, finché non risolviamo le piaghe storiche italiane. La criminalità si nutre di insostenibilità, sia essa economica, sociale o ambientale, un circolo vizioso che abbiamo letto tutti nelle pagine di Saviano e che non andrà via solo perché cominciamo a comprare prodotti bio.

La seconda cosa che è apparsa evidente è che c’è uno spettro molto ampio in termini di qualità e comprensione delle tematiche sostenibili, con casi di vera eccellenza globale (come una Guna che abbraccia il movimento open source offrendo al mondo i suoi brevetti di ricerca medica, e decidendo di investire invece le sue risorse non per proteggere le sue innovazioni, ma per scovarne altre) e casi decisamente deprimenti (come il premio a Pedon, che certo non ha visto i video di Jacqueline Novogratz che a TED ha spiegato molto bene perché 50 anni di elemosina nei paesi del Sud del Mondo – specialmente in Africa – abbiano avuto ripercussioni terribili per le loro prospettive di sviluppo sostenibile).

Interessantissimo, invece, il momento di confronto tra bloggers che – in vece di consumatori – hanno portato le loro opinioni e quelle dei loro lettori alle aziende in sala, pregandole di cominciare a dialogare con noi per meglio capire quello che vogliamo, anche su temi come la sostenibilità e l’etica. Tra tutti, ci ha sicuramente colpito l’appello alla multiculturalità di Michele di Crossmode, che speriamo di avere all’Hub presto.

Insomma, una serata stimolante, che ci ha fatto riflettere sul potenziale e la voglia di eticità in Italia, ma anche sulla lunga strada ancora da percorrere (sempre Eric, quando sul palco ci si domandava “Cos’è la sostenibilità?” mi sussurrava “Ma noi abbiamo risposto 20 anni fa a questa domanda!!!”).

L’anno prossimo, ovviamente, metà dei premiati saranno appena usciti da The Hub. Scommettiamo? 😉





Wake Up Rome! E’ in arrivo The Hub!

16 11 2009

E’ passata più di una settimana (e ci scusiamo per il ritardo di questo post!), ma ancora se ne parla in rete e nelle strade di Roma; The Hub Roma si è presentato lo scorso sabato 7 novembre negli spazi di Ricerca e Cooperazione in via Savona. C’era Shoot for Change che ci ha fatto dei bellissimi ritratti saltanti (vedi sopra, mentre salto con Conny ed Ivan). C’erano dei vecchi amici come Andrea e Daniele di Kanso, Giuanluca di Liberi Nantes e Stefano di Kidzdream, ma soprattutto molte facce nuove, incuriosite ed entusiaste. In tutto, più di cento persone!

Una cosa è certa: Roma è entrata in piena fase di start-up, ormai è una questione di mesi e anche la capitale avrà un Hub tutto suo, in cui far decollare centinaia di progetti innovativi in ambito sociale e ambientale. In bocca al lupo ragazzi… o meglio, in bocca alla lupa!





The Hub Milano nella giuria dei GDOWeek ‘Ethic Awards’

8 10 2009

Logo def Ethic2009 acqua

E’ ufficiale: The Hub Milano parteciperà in veste di giurato all’edizione 2009 dei GDOWeek Ethic Awards. Il Premio, inaugurato nel 2002, vuole riconoscere, segnalare e premiare l’impegno che le imprese stanno dimostrando attraverso iniziative concrete in logica di “sviluppo sostenibile”, atte quindi ad un miglioramento della qualità della vita, dell’ambiente, del lavoro, delle relazioni sociali e della cultura.

Spiega il direttore della rivista, Cristina Lazzati:

Assistiamo ad innovazioni introdotte in logica di “greening” per ridurre al minimo l’impatto ambientale, a investimenti in R&S volti a progettare prodotti e servizi dal punto di vista del ciclo di vita nel rispetto delle persone e del pianeta. Così come alla creazione di programmi e progetti a braccetto con il territorio, con il tessuto sociale nella quale le aziende sono inserite. […] Ethic Award si assume onere e onori di evidenziare le best practices, simbolo di un modo nuovo di fare impresa, affinché possano essere propulsori di un cambiamento.

La premiazione si svolgerà il 18 novembre, e noi vi terremo informati con un “dietro le quinte” dei candidati e di tutto l’evento!






Italia: Le “Altre” Imprese Producono 60 Mld Di Euro

22 09 2009

29582361_c9e924ff65

Le imprese “alternative” o “dell’ altra economia” producono circa il 4% del Pil nazionale, generando un valore di oltre 60 miliardi di Euro. Sono questi i dati che emergono dal primo rapporto sull’ Altra Economia realizzato dagli amici di Obi One.

La ricerca ha preso in esame sia il numero di aziende operanti in ogni settore che il valore aggiunto realizzato. Di seguito i dati :

agricoltura biologica= 49.654 aziende – valore aggiunto 1,4 miliardi di Euro

commercio equo e solidale = 176 aziende – valore aggiunto 11 milioni

finanza etica e credito cooperativo = 496 aziende – valore aggiunto 11 milioni per la finanza etica e 5 miliardi per il credito cooperativo

energie rinnovabili = 362 aziende – valore aggiunto  2,4 miliardi

riuso e riciclo dei materiali = 65.100 – valore aggiunto 23 miliardi

software libero = 5.941 – valore aggiunto 1,4 miliardi

A queste vanno aggiunte le organizzazioni non-profit con entrate annue superiori ad almeno 50.000 euro/ anno. In tutto sono oltre 45.000 per un valore  di quasi 27 miliardi di euro l’ anno.

[via pmi.it]





Un bell’incontro con Cowo Milano

18 09 2009

The Hub Milano ha incontrato fa il coordinatore del progetto Cowo di Milano (ed il primo in Italia), e noi non possiamo che ricambiare le belle parole scritte dal coordinatore Massimo, che sta mettendo in piedi, senza far troppo rumore, un importante network in tutt’Italia di spazi condivisi dove lavorare. Lo vedete qui sopra in una fotografia scattata dopo il primo incontro Italiano di Mind the Bridge insieme al nostro Jari del prossimo The Hub Rovereto. L’idea del coworking non e’ naturalmente nuova nel panorama internazionale (The Hub essendone un esempio un po’ particolare fin dal 2005), ma in Italia sta prendendo piede proprio grazie agli sforzi di persone come lui.

In bocca al lupo a tutti di Cowo dal team di The Hub Milano!!





Ecco La Casa di The Hub Milano

17 07 2009

coocreazione_thehub_21052009

Negli ultimi giorni e’ rallentata un po’ la frequenza dei nostri post ma e’ stato per un ottima ragione dato che siamo stati impegnatissimi nella firma del contratto per lo spazio che ospitera’ The Hub Milano.

Dopo averne visitati molteplici in tutte le aree di Milano, alla fine abbiamo trovato quello adatto per noi: 500 mq all’inizio di Via Paolo Sarpi, un vero spazio d’ ispirazione com potete vedere dalla foto qui sopra. La firma del contratto, avvenuta ieri sera, rappresenta ovviamente solo l’inizio della nostra avventura. I prossimi mesi lavoreremo insieme a voi per rendere questo spazio un vero centro per l’ innovazione e l’imprenditoria sociale. The Hub non offrira’ solamente spazi di lavoro e sale riunioni ma anche aree di socializzazione, laboratori creativi e uno spazio all’aperto dove potersi rilassare all’ ombra di un po’ di verde. (maggiori info sullo spazio qui)

L’apertura di The Hub Milano e’ prevista all’ incirca per Novembre ma vi terremo ovviamente aggiornati nei prossimi post con maggiori informazioni su come “prenotare” una vostra membership nel futuro centro dell’ economia sociale e sostenibile di Milano!

(foto by Filippo Podesta’)





Hackmeeting 09 – (Perche’ C’ E’ Un Hacker In Ognuno Di Noi)

9 06 2009

hacker-icon

 

 

 

 

 

 

Non dite che non avete mai scaricato una canzone perche’ non ci crediamo. E quando il wireless non funziona e cercate di agganciarvi a quello del vicino? Giunto ormai alla sua decima edizione torna a Milano l’ Hackmeeting, l’ incontro di tutti gli hacker italiani per affascinare quanti vedono la tecnologia con curiosita’ e divertimento e far conoscere meglio il concetto di hacking che non vuol dire solo “smanettare con i computer” ma arriva a toccare  gli ambiti piu’ diversi dalla sociologia alla psicologia, dall’ arte all’ecologia. Ed e’ proprio per diffondere questa cultura che l’ evento di quest’ anno si moltiplica in due appuntamenti. Dal 9 al 18 giugno, avra’ inzio il Warm Up, durante il quale l’ Hackmeeting entrera’ nelle universita’ milanesi con conferenze aperte a tutti parlando di hacking e della net art, di open source, paura, sicurezza e controllo, open design e animazione, peer to peer economy. ecohacking, performance artistiche. 

Dal 19 al 21 giugno avra’ invece inizio il vero e proprio Hackmeeting presso l’Sos Fornace di Rho in via San Martino 20. Saranno tre giorni di workshop, lan space, sharing di idee, file e hardware, seminari, incontri, laboratori, su software libero, codice, libertà della rete, peer to peer. 

Trovate online maggiori informazioni e il programma completo.

(nell’ immagine il Glider, l’emblema della comunita’ hacker)





Terrafutura 2009

28 05 2009

Si apre domani a Firenze la VI edizione di Terrafutura, quest’anno resa ancora piu’ importante dalla crescente crisi che sta colpendo il mondo economico e finanziario:

“Costruire reti di relazioni, di pensiero e di buone pratiche, per dimostrare che sono possibii modelli di sviluppo non fondati su parametri quantitativi, sul consumo delle risorse naturali non rinnovabili, che creano squilibri sociali e nuove povertà, bensì un imperativo morale ma oggi, di fronte alla crisi globale che il pianeta sta attraversando, è diventata una necessità legata alla sopravvivenza dell’ecosistema.”

Nel 2008 i numeri erano questi: oltre 94.000 visitatori, 550 aree espositive con più di 5000 enti rappresentati; 160 eventi culturali e 850 relatori presenti, fra esperti e testimoni di vari ambiti di livello internazionale.

Quest’anno – noi di The Hub ne siamo certi – ce ne saranno molti di piu’! Tra cui noi domani! Se ci siete, battete un colpo: tre quattro zero tre sette cinque sette sei sei otto!





2 progetti d’acqua

19 05 2009

Gli amici di Deep Riders ci segnalano due iniziative che ci paiono molto belle e degne d’essere sostenute dalla community di The Hub Milano.

La prima chiama a raccolta la citta’ di Milano per salvare i Bagni Botta e la Piscina Caimi, la seconda si rivolge ad un pubblico piu’ ampio per la salvaguardia dei laghi alpini, soprattutto della Val D’Aosta.

Due progetti molto belli che speriamo trovino il sostegno di organizzazioni e istituzioni preposte a rispondere a queste legittime richieste!