And the winner is…

19 11 2009

Qualche tempo fa vi accennammo al fatto che The Hub facesse parte della giuria degli Ethic (sic!) Awards, l’iniziativa sostenuta da GDO Week del Sole 24 Ore per riconoscere e premiare le aziende più etiche e sostenibili in Italia. Be’, ieri sera c’è stato l’annuncio dei vincitori nell’Auditorium del Sole 24 Ore a Milano. Rullo di tamburi… ecco chi sono, suddivisi nelle 7 categorie del premio:

Alce Nero & Mielizia – Insieme al Consorzio Libera Terra Mediterraneo (Giovani)
Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori COOPCampagna Risparmia le Energie (Consumatori)
COOP Adriatica – Biblioteca Interculturale Mobile (Minoranze e Società)
GunaNo Patent (Processi Industriali)
Nordiconad – Last Minute Market (Retail Locale e Territorio/Comunità)
PedonScuola per i Figli dei Lavoratori nello Stabilimento Pedon (Sud del Mondo)
SMASupermercato Eco-compatibile (Greening)

Il primo premio assoluto di azienda etica 2009 è stato dato ad Alce Nero & Mielizia, per il suo lavoro di promozione dei prodotti del Consorzio Libera Terra Mediterraneo, prodotti buoni, puliti e giusti, ottenuti da terre confiscate alla mafia in Sicilia e in Puglia.

Questo Ethic Awards ci ha insegnato un po’ di cose sulla realtà italiana in relazione a concetti di sostenibilità ed eticità. La prima, come commentava Eric Ezechieli di The Natural Step Italia che era seduto accanto a me durante la cerimonia, è che eticità in Italia è sinonimo di legalità. E’ inutile che ci immaginiamo un’Italia diversa, etica, sostenibile, finché non risolviamo le piaghe storiche italiane. La criminalità si nutre di insostenibilità, sia essa economica, sociale o ambientale, un circolo vizioso che abbiamo letto tutti nelle pagine di Saviano e che non andrà via solo perché cominciamo a comprare prodotti bio.

La seconda cosa che è apparsa evidente è che c’è uno spettro molto ampio in termini di qualità e comprensione delle tematiche sostenibili, con casi di vera eccellenza globale (come una Guna che abbraccia il movimento open source offrendo al mondo i suoi brevetti di ricerca medica, e decidendo di investire invece le sue risorse non per proteggere le sue innovazioni, ma per scovarne altre) e casi decisamente deprimenti (come il premio a Pedon, che certo non ha visto i video di Jacqueline Novogratz che a TED ha spiegato molto bene perché 50 anni di elemosina nei paesi del Sud del Mondo – specialmente in Africa – abbiano avuto ripercussioni terribili per le loro prospettive di sviluppo sostenibile).

Interessantissimo, invece, il momento di confronto tra bloggers che – in vece di consumatori – hanno portato le loro opinioni e quelle dei loro lettori alle aziende in sala, pregandole di cominciare a dialogare con noi per meglio capire quello che vogliamo, anche su temi come la sostenibilità e l’etica. Tra tutti, ci ha sicuramente colpito l’appello alla multiculturalità di Michele di Crossmode, che speriamo di avere all’Hub presto.

Insomma, una serata stimolante, che ci ha fatto riflettere sul potenziale e la voglia di eticità in Italia, ma anche sulla lunga strada ancora da percorrere (sempre Eric, quando sul palco ci si domandava “Cos’è la sostenibilità?” mi sussurrava “Ma noi abbiamo risposto 20 anni fa a questa domanda!!!”).

L’anno prossimo, ovviamente, metà dei premiati saranno appena usciti da The Hub. Scommettiamo? 😉





The Hub Milano nella giuria dei GDOWeek ‘Ethic Awards’

8 10 2009

Logo def Ethic2009 acqua

E’ ufficiale: The Hub Milano parteciperà in veste di giurato all’edizione 2009 dei GDOWeek Ethic Awards. Il Premio, inaugurato nel 2002, vuole riconoscere, segnalare e premiare l’impegno che le imprese stanno dimostrando attraverso iniziative concrete in logica di “sviluppo sostenibile”, atte quindi ad un miglioramento della qualità della vita, dell’ambiente, del lavoro, delle relazioni sociali e della cultura.

Spiega il direttore della rivista, Cristina Lazzati:

Assistiamo ad innovazioni introdotte in logica di “greening” per ridurre al minimo l’impatto ambientale, a investimenti in R&S volti a progettare prodotti e servizi dal punto di vista del ciclo di vita nel rispetto delle persone e del pianeta. Così come alla creazione di programmi e progetti a braccetto con il territorio, con il tessuto sociale nella quale le aziende sono inserite. […] Ethic Award si assume onere e onori di evidenziare le best practices, simbolo di un modo nuovo di fare impresa, affinché possano essere propulsori di un cambiamento.

La premiazione si svolgerà il 18 novembre, e noi vi terremo informati con un “dietro le quinte” dei candidati e di tutto l’evento!





The Hub: collaborazione radicale d’eccellenza!

27 09 2009

Hub Berkley

Lo stanno facendo tutti. Da piccole medie imprese che condividono risorse per la ricerca e lo sviluppo a tutte le persone nel mondo che stanno costruendo Wikipedia. Si chiama collaborazione radicale ed é sempre più vista come la maniera migliore per arrivare a soluzioni sempre più efficaci ed innovative ai problemi socio-ambientali che ci circondano.

Tra gli esempi d’eccellenza citati in un articolo su Worldchanging – uno dei siti al mondo più autorevoli nel campo della sostenibilità e dell’innovazione sociale – c’é Green Xchange, un’iniziativa nata a Davos nel gennaio 2009 sotto l’egida di Nike, Creative Commons e Best Buy che prevede la condivisione d’informazioni tra imprese che stanno facendo ricerca in sostenibilità.

E c’é anche The Hub, con il suo splendente nuovo centro di Berkeley, Bay Area, California, aperto solo 3 settimane fa! Grazie Worldchanging! E in bocca al lupo ai nuovi Hubbers di San Francisco!





National Geographic su giardini e orti urbani

8 09 2009
Il municipio di Chicago

Il municipio di Chicago

National Geographic ha pubblicato poco prima dell’estate un servizio su giardini e orti urbani, o “tetti verdi” come li chiamano gli anglosassoni, questi rettangoli di terra che noi abbiamo rubato al suolo per costruire i nostri palazzi e ridonato al cielo svariati metri piu’ in alto!

Ad accompagnare l’articolo, National Geographic ha pubblicato delle bellissime immagini dei fotografi Diane Cook e Len Jenshel, tra cui quella in apertura del nostro post. Ne riportiamo alcune delle piu’ suggestive qui sotto, nella speranza che anche a Milano si cominci a immaginare un panorama di questo tipo!

Panorama di New York dal tetto dello studio architettonico Cook + Fox

Panorama di New York dal tetto dello studio architettonico Cook + Fox

Una fermata dellautobus a San Francisco; il tetto dellImperial Hotel a Tokyo

Una fermata dell'autobus a San Francisco; il tetto dell'Imperial Hotel a Tokyo

Una ex fabbrica a Londra, ora residenza eco-sostenibile dellarchitetto Justin Bere

Una ex fabbrica a Londra, ora residenza eco-sostenibile dell'architetto Justin Bere





Terrafutura 2009

28 05 2009

Si apre domani a Firenze la VI edizione di Terrafutura, quest’anno resa ancora piu’ importante dalla crescente crisi che sta colpendo il mondo economico e finanziario:

“Costruire reti di relazioni, di pensiero e di buone pratiche, per dimostrare che sono possibii modelli di sviluppo non fondati su parametri quantitativi, sul consumo delle risorse naturali non rinnovabili, che creano squilibri sociali e nuove povertà, bensì un imperativo morale ma oggi, di fronte alla crisi globale che il pianeta sta attraversando, è diventata una necessità legata alla sopravvivenza dell’ecosistema.”

Nel 2008 i numeri erano questi: oltre 94.000 visitatori, 550 aree espositive con più di 5000 enti rappresentati; 160 eventi culturali e 850 relatori presenti, fra esperti e testimoni di vari ambiti di livello internazionale.

Quest’anno – noi di The Hub ne siamo certi – ce ne saranno molti di piu’! Tra cui noi domani! Se ci siete, battete un colpo: tre quattro zero tre sette cinque sette sei sei otto!





Casa sostenibile a TED Talks 2009

15 02 2009

Vodpod videos no longer available.

more about “BBC NEWS | Technology | TED on porn, …“, posted with vodpod

Peter Bowes ci mostra una casa prefabbricata, in mostra a TED 2009. La casa, che puo’ essere ricomposta in 3-4 giorni, usa una serie di dispositivi informatici e tecnologici per monitorare e ridurre i consumi emergetici.

Fenomenale…!





Ricomincio da me!

2 12 2008

Ricomincio da me! è un’iniziativa del Comune di Firenze – sportello EcoEquo – che offre la possibilità a 600 famiglie/single che abbiano voglia di mettersi in gioco di riflettere sul modo di vivere e di consumare. Dalla riduzione dei rifiuti al risparmio energetico, dal consumo critico al risparmio idrico, dall’alimentazione alla mobilità sostenibile, il progetto intende dimostrare come senza grandi rinunce sia possibile adottare nuovi stili di vita, all’insegna della riduzione degli sprechi e ad un uso più equo, rispettoso e responsabile delle risorse del pianeta.

Il progetto – realizzato in collaborazione con Legambiente, AIAB, Villaggio dei Popoli e Manitese – è operativo da ottobre 2008 a marzo 2009, e funziona attraverso una serie di laboratori pratici e incontri mensili tra gruppi locali dei vari quartieri di Firenze. Fiorentini: non mancate quest’opportunità di vivere sostenibile!





Un uomo senza impatto

31 10 2008

Colin Beavan – not anche come No Impact Man – scrive da qualche tempo uno dei blog piu letti sul vivere sostenibile. Il liberale newyorkese, travolto da sensi di colpa, decide di eliminare il suo impatto sull’ambiente, dando vita ad uno degli esperimenti di sostenibilità (ed ai blog) più seguiti della storia:

Per un anno, mia moglie, mia figlia di 2 anni, il mio cane ed io vivremo nel mezzo di New York cercando di non avere alcun impatto sull’ambiente. In altre parole: niente rifiuti, niente emissioni di carbonio, niente tossine nell’acqua, niente ascensori, niente metropolitana, niente prodotti pre-confezionati, niente plastica, niente aria condizionata, niente televisione, niente cesso…

Che aspetto ha uno stile di vita senza impatto? È possibile? È contagioso? È più o meno divertente della vita normale? Più o meno soddisfacente? Più o meno facile? E ne vale veramente la pena, o siamo comunque tutti già spacciati? Sono queste le domande che mi pongo mentre intraprendo quest’assurda avventura.

Era il febbraio 2007. Oggi, a più di un anno di distanza, Colin continua a scrivere – non solo sul blog, ma anche sull’autorevole WorldChanging – su cosa significhi vivere una vita sostenibile e felice.





Ecomondo 2008

2 10 2008

In mostra la più ampia gamma di opportunità tecnologiche, sistemi e attrezzature, servizi per risolvere i complessi e specifici problemi ambientali. Un appuntamento straordinario per confrontarsi sulle novità e sulle potenzialità di questo settore in continua espansione con la più alta aspettativa di investimenti e profitto nel prossimo decennio.

Così si descrive sul suo sito Ecomondo, la 12esima Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile, che si terrà alla fiera di Rimini dal 5 all’8 novembre. Nel 2007 ha ricevuto ben 57.907 visitatori che, lungo i 75.000 mq di esposizione, hanno avuto modo di esplorare oltre 1.000 aziende e di partecipare a 179 eventi tra seminari tecnico-scientifici, forum, conferenze, Caffè Scienza e iniziative parallele.

Quest’anno, Ecomondo si soffermerà su vari temi specifici, tra cui ReclaimExpo (tecnologie di bonifica dei siti contaminati), Oroblu (prodotti e servizi legati all’intero ciclo dell’acqua), e SAL.V.E. (il 3° Salone del Veicolo per l’ecologia dedicato alle aziende che operano nei settori merceologici).

Di particolare interesse la sezione Città Sostenibile, un percorso espositivo di progetti, prodotti, soluzioni, case history e aree dimostrative volte a identificare una serie di metodologie che permettano sia ai professionisti che agli amministratori pubblici di pianificare, progettare e realizzare interventi ed opere basati sulla tutela del paesaggio, il risparmio energetico e lo sviluppo consapevole.

CooperAmbiente presenterà inoltre i servizi e i prodotti delle cooperative di Legacoop: dalle case eco-sostenibili, ai servizi e alla gestione del ciclo dei rifiuti e della raccolta differenziata, alla produzione di energie rinnovabili, ai servizi di mobilità sostenibile, alla gestione delle aree verdi e boschive, alle politiche per il risparmio energetico della grande distribuzione cooperativa e per i milioni di soci cooperatori.

Un evento da non perdere per chi, come noi, è appassionato di impresa sociale, innovazione e sostenibilità.





Note sul Design Sostenibile @ Design Library

12 06 2008

Un po’ di live blogging dalla Design Library a Milano, dove si parla di design sostenibile con la collaborazione di Best Up, l’organizzazione di Giuliana Zoppis e Chiara Mantica sul bello e sostenibile nel mondo del design. Questa è la serata d’apertura dove si presentano i temi di una serie di conversazioni che si terranno nelle prossime settimane.

Ad aprire la serata, Gabriele Centazzo della Valcucine, un imprenditore progettista, secondo la deifinizione di Valerio Castelli, direttore della Design Library. Di fornte ai dati “oggettivi” sul degrado ambientale (Centazzo non sembra essere al corrente dei dibattiti sull’oggettività sostenuti da molti ecologi politici), Centazzo auspica un calcolo del costo ambientale di ogni prodotto, che includa quello che oggi “scontiamo” ma che invece è pagato dall’ambiente. Il suo argomento centrale è che eco-compatibilità non significa necessariamente solo riciclabilità, dematerializzazione o risparmio energetico, ma anche durabilità, qualità estetica e dunque altri fattori che spesso non sono presi in considerazione. Questo in considerazione anche della crescita socio-economica in paesi che finora erano in via di sviluppo ma presto saranno a tutti gli effetti società del consumo.

Perché questo succeda, è importante divulgare la conoscenza dell’eco-compatibilità nei settori chiave – politica, economia, società: solo attraverso una conoscenza collettiva possiamo arrivare a vera sostenibilità. Questo è un contraddizione con l’etica alla base del capitalismo: il consumo. Attrraverso una serie di vignette e qualche riferimento al mondo ideologico cattolico, Centazzo illustra questi temi che richiamano diversi studi critici sulla globalizzazione, dai radicali come Chomsky e David Harvey agli economisti come Wade. Tra le soluzioni che offre, la creatività, l’amore (sic!), o la bellezza (citando Solzhenitsyn che citava Dostoevski) come nuovi obbiettivi da contrapporre al consumo puro come canale che porti alla felicità.

Segue Giuliana Zoppis di Best Up, che si sofferna sul ciclo di vita del prodotto come traccia da seguire nella serie di incontri che sosterrà. Può la sostenibilità divetare il nuovo cavallo di battaglia del Made in Italy? La Zoppis fa alcuni esempi su come sostenibilità condivisa – lo scopo del loro network – possa portare a raggiungere nuovi traguardi di conoscenza. Partendo dall’esperienza di Best Up, apre il dibattito sul rapporto produttori, rivenditori, compratori – Verso il Negozio Sostenibile – in vista del Salone del Mobile, durante il quale si augura un consolidamento degli sforzi Best Up ed un radicamento progettuale, grazie all’auspicato sostegno del settore pubblico.

Un evento importante per promuovere un tema fondamentale per l’innovazione sociale a Milano e nel mondo.